25 marzo 2013

Review: Rossetto Atomic Red Mat n.5 di Deborah

Da queste parti ci piace allungare il brodo con inutili storielle personali. Per leggere la recensione (quasi) senza fronzoli, correte alla freccia "". 


Cari amici, è giunta l'ora. I tempi sono abbastanza maturi affinché io vi parli di Esso. Il mio primo Rossetto Rosso (con le maiuscole fa più effetto, non negatelo), il mio primo colpo di testa cosmetico, il primo grande acquisto che, dopo essere tornata a casa piena di entusiasmo, davanti alla mia immagine riflessa nello specchio del bagno mi ha fatto esclamare con costernazione "Blanche, che cosa hai fatto?". Il primo di una lunga serie, oserei dire.
Ma non saltiamo a conclusioni affrettate: dopo un inizio non proprio roseo, io e questo benedetto Rossetto Atomic Red Mat n. 5 di Deborah ce l'abbiamo fatta a trovarci.

In principio fu Cristina Chiabotto. Correva l'anno 200qualcosa - la memoria mi tradisce - e sulle pagine delle principali riviste femminili campeggiava il bel volto della Cristinona a pubblicizzare l'allora nuova linea di rossetti Deborah. Occhi penetranti e labbra rosso fuoco, tanto per gradire avevano pure ben pensato di sbattercela sopra parzialmente ignuda, che è sicuramente quello che tutte le donne cercano nella pubblicità di un cosmetico.
Fu quindi così che, armata della mia paghetta settimanale, mi diressi con piglio deciso al negozio simil-Acqua&Sapone sotto casa. E lì, su un espositore composto presumibilmente da cartoncino e colla vinilica, campeggiava l'oggetto dei miei desideri. In realtà, non ero ancora così tecnologica da informarmi in anticipo sui pezzi presenti in una determinata linea, tutto quello che sapevo era che volevo un rosso opaco. Già, opaco. Nonostante fosse evidente che nella pubblicità lei indossasse un rosso lucido, io mi ero impuntata che no, il mio doveva essere matte e sarei stata persino più figa di lei, tsk. Ancora oggi non so spiegarmi come accidenti mi fosse balenata in testa quest'idea, quando a malapena sapevo cosa fosse un fondotinta (e il fatto che lo conoscessi non implica che ne facessi uso). Probabilmente ero una fanciullina lobotomizzata che si era del tutto rincretinita a suon di video dell'allora-non-così-nota Clio, e che aveva scoperto la magia di potersi trasformare da piccola racchia in erba a topolona iper-galattica semplicemente con un paio di spennellate ben assestate. Senza preoccuparsi più di tanto che tra questi due estremi ci fosse un universo di sfumature tragicomiche, dall'effetto "ultra-novantenne sul bus che ricorda i bei tempi andati in cui le sue labbra rosse facevano girare la testa a tutti i giovincelli del vicinato", fino alla celeberrima "prostituta che va esclusivamente con i clown". Nonostante conosca me stessa con una certa profondità  non credo di essere in grado di ricostruire il filo di (il)logico di pensieri che mi aveva portato su questa scelta, posso solo immaginare che per un motivo o per l'altro mi ero convinta che per essere una signorina elegante avevo assolutamente bisogno di sfoggiare labbra color velluto di Luigi XVI. Anche se poi giravo in felpa e scarpe da ginnastica.
Insomma, il punto è che una volta arrivata a casa, trionfante ed eccitata di questo mio gesto trasgressivo (?) la prima cosa che feci fu naturalmente quella di piazzarmi davanti allo specchio e verificare coi miei occhi il miracolo. E lì vidi una cosa che voi umani non potreste nemmeno immaginare. O forse sì, basta pensare all'immagine di una ragazzina quasi totalmente struccata, con la pelle ben più che imperfetta, che per la prima volta in vita sua si spiaccica maldestramente e con mano tremula un rossetto. ORRORE.
Dopo quel momento, lo sfortunato fu relegato in un cassetto, e lì rimase per lungo tempo. Provai a tirarlo fuori circa un anno dopo, per un compleanno, ma nulla da fare. Mi sentii a disagio per tutta la sera, e lo abbandonai di nuovo. Che ci volete fare, era troppo presto, non ero ancora pronta.
Flash forward: la nostra brutta anatroccola diventa una figa da paura scopre che esiste altro al di là del mascara, che i brufoli possono essere quantomeno dissimulati, spende e spande in cosmetici, e fa pace con quello che poi diventerà il suo PVRR*.

➤ Direi che dopo tutte queste chiacchiere potremmo anche parlare un po' di lui, neh? Non sono tipo da soffermarmi a descrivere il packaging dei prodotti, soprattutto dei rossetti (dai, come accidenti vuoi che sia fatto un rossetto? A forma di vertebra di moffetta?) ma questa volta fatemi sprecare dueparoledue per elogiare il rivestimento gommoso del tubetto. E' una cosa piacevolissima da tenere in mano, non so come descriverla, ma assomiglia un po' a quel materiale anti-scivolo che viene usato per le prese ergonomiche di alcuni attrezzi sportivi o altri aggeggi che ora non mi vengono in mente (ma quanto sono chiare le mie spiegazioni?). Spero che guardando la foto capirete - no, probabilmente...-, perché è una cosa fantastica :D. Ed è persino in linea con l'effetto velluto che vanno sbandierando per questa linea.
Fine del panegirico inutile sulla confezione.
Però aspettate, già che siamo in tema di futilità assortite, lasciatemi anche dire che ha un odore...Ehm, caratteristico? Per non dire proprio brutto. Anche lui, come La Cipria, odora di cosmetico della nonna, di rossetto vecchio stile, di fondo di magazzino dell'anteguerra. E no, il fatto che io lo possegga da ben più dei 24 mesi indicati sulla confezione è del tutto ininfluente, perché questa suo sgradito profumo l'ha sempre avuto e sempre l'avrà. Immagino che sia comunque una questione di gusti e in ogni caso non è nulla di insopportabile: se non altro, al contrario di certe profumazioni chimiche alla fragolina di bosco radioattiva, non è persistente, perché non è un'essenza, è proprio il suo odore. Credo.

Adesso, vogliamo provare a descrivere il coloreSul serio vogliamo provare a descriverlo? Secondo me non è una buona idea, ma se proprio ci tenete ci proviamo, anche perché dalle foto sembrano venti sfumature diverse e nessuna si avvicina a quella vera. Ah, le piccole gioie del fotografo principiante e svogliato. E' un rosso (ma dai?) bello pieno, ma sufficientemente scuro da non risaltare come come una macchia di ragù sul muro bianco della cucina. Non che passi esattamente inosservato, ma diciamo che ci sono rossetti più esuberanti in circolazione. Poi, sia chiaro, rassegnatevi al fatto che nelle foto - in qualsiasi foto, con o senza flash, al compleanno della zia o al funerale del gatto - si vedrà lontano un miglio, ma non è colpa sua poveretto. Mi sembra che sia anche abbastanza bilanciato in quanto a sottotono. Sicuramente non è caldo, ecco. Quasi sicuramente. Forse. Oh, vi prego, non ce la posso fare, non fatemi dire nulla in proposito, che poi mi vengono ad arrestare per falsa testimonianza :'(. Facciamo che se volete capire com'è fatto, andate a verificare di persona che così almeno stiam sicuri?

Per quanto riguarda la coprenza, il ragazzo è intelligente e si applica pure, ottenendo degli ottimi risultati: basta una sola passata per un risultato già pieno e omogeneo, sempre che non vi chiamate Blanche e non abbiate la mano ferma di un procione con l'orticaria, nel qual caso è necessario passare più e più e più e più volte per avere un contorno labbra che non sia frastagliato come la costiera amalfitana.  Ma a parte questi casi patologici, andate tranquilli che con lui siete in una botte di ferro: tutto ciò possibile anche grazie alla sua consistenza piuttosto cremosa. Non direi che è così morbido che si taglia con un grissino, ma per essere un matte scorre piuttosto facilmente.
Giuro che da lontano la cosa non
sembrava così indecente. Lo zoom
non ha pietà.
Il fatto che abbia una consistenza un po' meno granitica rispetto ai suoi parenti dallo stesso finish va un pochino ad influire sulla durata: non che io abbia provato chissà quanti rossetti in vita mia, ma per adesso è l'unico che su di me ha il vizio di andarsene agli angoli della bocca. La cosa di per se non è particolarmente grave (sono una profana, ma io ai rossetti che riescono a tenere tutto un intero pasto non ci credo. No, nemmeno se li vedo) lo trovo solo un po' curioso perché personalmente vedo sempre i prodotti sparire al centro e mai ai lati. E vabbè, c'est la vie. In generale trovo che comunque abbia una durata molto buona, e se vi limitate a parlare o a bere avete una buona probabilità che non si schiodi da lì. Ah, se poi ci mettere sotto una matita abbinata non ci sono mazzi, sta su che è una bellezza. Io personalmente gli piazzo sotto una delle Twist Up Pencil di Sleek (Chestnut), che non è esattamente del suo colore ma non importa...Io non vi ho detto nulla, eh.
E infine, rispondiamo a quello che so essere il vostro grande interrogativo da quando avete letto la parola "mat" nel titolo. A me le labbra un po' le secca, sì. Dovete tenere in conto che le mie sono così di loro, secche un giorno sì e l'altro pure, ma mi sembra doveroso segnalarvi che quando lo indosso non mi sento proprio con le labbra idratate e morbide come un cucciolo di foca, anzi. Anche qui, con una matita sotto il problema non si pone (ma dipenderà dalla matita, suppongo).**

In conclusione, credo sia un buon prodotto e lo consiglio a chi vuole un rossetto intenso ma non ha la possibilità/la voglia di rivolgersi a marchi più costosi: il prezzo dovrebbe infatti aggirarsi sui 10 euro a seconda di dove lo acquistate. Certo quando l'ho preso io erano altri tempi (disse la donna bicentenaria) e ancora non era arrivata la spietata concorrenza dei rossetti di Kate, ma penso che faccia ancora la sua porchetta figura.
...Se esiste ancora. Esiste ancora, vero? Non ho mica controllato, ma mi fido del sito. Faccio male? D:
---
E ora, solo per voi nostalgici, il riassunto che nessuno aveva chiesto! ;)

Identikit

Rossetto Atomic Red Mat di Deborah n.5
€ 11.70 (dal sito; in pratica, un po' di meno)
PAO 24 Mesi

Pro:

Colore pieno
Stesura semplice
Durata discreta

Contro:

Secca le labbra



__________________________________________________________________
*   Primo Vero Rossetto Rosso. Quanto è bello inventarsi sigle random?
** E quanto è bello piazzare inutili asterischi in giro per il post?

57 commenti:

  1. Non ho mai provato un rossetto Deborah, ho spesso guardato questa linea, ma non mi sono mai decisa a prenderne uno! C'è un outlet non molto lontano da dove abito che ha la Deborah a prezzi scontatissimi :) Detto ciò i rossetti rossi mi piacciono molto, ma certe volte mi inibiscono anche un pò! Devo proprio essere molto ispirata per metterne uno, solitamente preferisco i fucsia in tutte le sue sfumature *___*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, bè se lo trovi scontato in un outlet non fartelo scappare :)
      Per quel che riguarda i rossi, è tutta una questione di abitudine: anche io non riesco ancora a indossarli senza problemi, ma pian piano sto facendo progressi e li sto usando sempre più spesso ;)
      ...Anche perché invece a me i fucsia stanno malissimo XDD

      Elimina
  2. le mie grafiche non sono degne nemmeno di leccare la suola delle scarpe della tua.

    posto che sono della scuola che matita rossa con rossetto rosso, hai mai pensato di provare ad usare una matita cerosa tipo la borderline di toofaced o quella di mufe?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Onorata!

      La cosa della matita trasparente ricordo di averla già letta, presumibilmente in un tuo commento sotto a una delle guide di Takiko XD E già allora ero rimasta sconvolta per non averci mai pensato. Ci proverò assolutamente, anche se ho solo la matita schifezzina di Elf :(
      E in ogni caso, prima o poi mi degnerò anche di procurarmi una matita rossa un po' più azzeccata....

      Elimina
  3. porchetta figura mi ha steso che un ko non avrebbe fatto di meglio :) Ho anche io questo rossetto e mi piace. Chissà perché sia i rossetti Deborah che quelli L'Oreal hanno quel profumo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :D
      Oh, sono contenta che tu sia d'accordo come me! *_*
      Non ho nemmeno un rossetto L'Oreal, ma se anche loro hanno questo malefico odore, non penso potrà mai nascere qualcosa tra noi XD

      Elimina
  4. "(...)sufficientemente scuro da non risaltare come come una macchia di ragù sul muro bianco della cucina"

    Amo i tuoi paragoni XD Nella mia maldestra adolescenza io purtroppo invece ero ciecata, temo, e mettevo rossetti dai colori accesi più improponibili senza alcun disagio.. Tranne il fucsia, stranamente!

    Anche secondo me il sottotono non è decisamente caldo, ma dato che vanto (?) una certa inesperienza (leggasi: daltonismo) nel distinguere i sottotoni quindi non lo sottoscriverei dal notaio, ecco.

    Capisco bene il tuo scetticismo sui rossetti che non durano un pasto.. Sarà che su di me nessuno dura nemmeno una colazione o una merenda o spuntino..

    Il colore è molto bello e sembra un buon prodotto, gli darò un'occhiata se mi capita (anzi quando, visto che Deborah è un po' ovunque).

    "PVRR*
    * Primo Vero Rossetto Rosso. Quanto è bello inventarsi sigle random?"

    Just BRILLIANT! http://www.youtube.com/watch?v=028J8oUn71E

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il montaggio coi "Brilliant!" mi ha stesa XD
      Comunque, consolati: in compenso io, nella mia pre-adolescenza, avevo un ombretto azzurro puffo che era il mio orgoglio. Immagina solo l'effetto che dava spiaccicato così, nudo, sulla palpebra, senza manco un po' di mascara. Brrr.
      Ma dove erano le notre mamme in quei momenti? :O

      Se ti capita guardalo (ma non sniffarlo!) :D

      Elimina
    2. Ci stava tutto! *___*

      Ci saremmo fatte una bella compagnia allora! XD Mia mamma penso che mi stesse lasciando la liberta di imparare sperimentando sulla mia pelle.. Bisogna dire che io l'ho sempre vista perennemente con lo stesso look (al massimo cambiando leggermente tono di ombretto..), quindi forse semplicemente neanche faceva caso a cosa mi mettevo in faccia.. XD

      Ok, resisterò alla tentazione di farne una pista XD

      Elimina
    3. Blaaaaaanche, ci sono due awards per te sul mio blog, nel caso ti andasse di accettarli :D http://ichigohatake.blogspot.it/2013/04/7-versatile-liebster-awards.html

      Elimina
  5. tu sottovaluti il discorso packaging... hai mai visto come sono fatti i Kiko, per dirne una? da impiccarsi. o anche i nuovi MAC, conosco gente che non ne vuol sentir parlare non per il prezzo ma perché son grossi XD

    I Deborah son più "normali" XD
    mi hai fatto ricordare che io al rosso non solo ci sono arrivata tardissimo (tipo 2 anni fa), ma che il primo che ho preso (il primo serio, dico... il primissimo fu il Viva Glam Cyndi) è stato un mese nel cassetto... :D

    anni fa usavo i rossetti Deborah ma è un sacco che non ne compro uno... qui si trovano a meno rispetto al sito, che è meglio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì sì, ma in generale il packaging è importante, solo che mi sembra superfluo descriverlo quando si tratta solo di "un cilindro nero dotato di un meccanismo rotatorio che permette allo stick di uscire a piacimento" XD
      Oh, devo dire che un po' mi consola sapere che anche tu hai lasciato il tuo PVRR (me la sto tirando?) a marcire in un cassetto :D In realtà il mio è stato ben più di un mese, ma è il concetto che conta :P

      L'altro giorno sono andata a verificare coi miei occhietti il prezzo, ed effettivamente era intorno ai dieci euro, altro che gli unidici e passa del sito O.o

      Elimina
  6. Ahahahah rido per gli asterischi random ma anche per l'intero post, esilarante come sempre ^__^ l'immagine di una giovane Blanche che si prova il rossetto da struccata e si guarda con terrore mi ricorda una giovane me alle prese coi rossetti della mamma (ma non ero così coraggiosa da comprarne, ce ne ho messo di tempo!).
    Comuuunque, ogni volta che vedo questi rossetti da OVS mi tentano da morire, però dove vado io tengono pochi colori e i tester sono sempre distrutti, sarà un GOMBLOTTO? secondo me sì, scriverò a Beppe Grillo per fare luce sulla cosa. (Ok, la smetto, non faccio ridere e magari urto sensibilità politiche altrui).
    Nella foto del 5 Shades ti sta benissimo il nostro amico mat, approvo con soddisfazione! ^__^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mmm, dovremmo fondare il Movimento 5 Rossetti e smascherare il complotto ordito alle spalle tue e di tutte noi povere spendaccione. Si sa mai che finiamo anche in parlamento così, per sbaglio. Ok, basta.

      Grazie per tutti i complimenti, persino quelli relativi al 5 shades, mi commuovo ç_ç

      Elimina
  7. Anche io ho da poco fatto la recensione del mio primo rossetto rosso, anche se è molto meno divertente della tua. :)
    A me piace il colore di questo rossetto e anche a me il sottotono pare più tendente al freddo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Andai e commentati, mea culpa per essermi persa il post prima ç_ç

      Elimina
  8. Blanche io intanto ti chiedo scusa per non aver commentato gli ultimi post, periodo giusto un po' pieno, ma me li sono letti e amati al solito <3
    Questo post è meraviglioso, come sempre.
    Sarei quasi tentata di chiederti di non mettere lo swatch perché quell'immagine è semplicemente meravigliosa, la amo proprio xD
    Comprendo il profondo disagio del primo rossetto rosso messo senza le dovute precauzioni HAHAHA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che scusa e scusa, e che devo dire io, che riesco a commentare un posto ogni 3, di quelli che pubblichi? ç_ç
      (Anche io li leggo tutti, però).

      Ora ho finalmente postato lo swatch. Me ne sono pentita io stessa XDD

      Elimina
  9. ahahahahahah la scena allo specchio appena dopo averlo comprato è stata pari pari alla mia con Ruby Woo :)
    comunque è un bel colore e gli asterischi random mi fanno morire eheheheh (ma quella lassù è davvero la Chiabotto???? O.o)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sììì è proprio lei! Ai tempi in cui era ancora bionda...Adesso è castana, vero? O.o

      Mi fa piacere vedere che siamo svariate ad aver avuto l'esperienza traumatica dello specchio <3

      Elimina
  10. Blanche, ma la foto non foto va brevettata e lasciata in libero uso delle blogger-che-non-sanno-fare-foto-una-a-caso-IO!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Detto, fatto ù_ù
      Per i numerosi (?) fan di quell'immagine, è a disposizione su facebook :D

      Elimina
  11. avessi anche solo metà della tua vena come scrittrice sarei già contenta *_* bello questo rosso,non ho mai avuto un rossetto Deborah,in compenso mi sto sfogando con i cuginetti debby :P

    ps:Hermosa ha ragione,la brevetterei davvero :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ah, grazie :)
      I cuginetti debby mi ispirano un sacco *_* Peccato che qui siano una rarità O.o

      Elimina
  12. la celeberrima prostituta che va solo con i clown ti giuro mi ha fatto morire :)) ogni tuo post è un vero e proprio viaggio, diciamo un'esperienza quasi mistica e lasciatelo dire hai poteri terapeutici perchè ogni volta mi strappi sorrisi e risate. E lo sò che te lo dico tutte le volte e credimi che non ti reputo una saltimbanco del make-up ma hai una capacità di scrivere veramente notevole. Passando al rossetto, io ne ho uno di Deborah atomic red 13 che mi sembra veramente simile se non uguale al tuo...a dire il vero la mia confezione è dorata quindi sarà diverso? Boh, mi sembra uguale, anche se quello che ho io a differenza del tuo è altamente idratante. Comunque io amo i rossetti rossi, credo di avere una sorta di perversione in questo senso. E' l'unico colore che mi vedo addosso. Noto però che anche di questo non ti piace il profumo...no ma perché ? Sai che io adoro il profumo dei prodotti Deborah? Ma lo sai che ogni volta che lo dici una piccola eleonora muore da qualche parte? Ok la smetto :) ma solo se mi batti un po' le mani ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, questi complimenti fanno sciogliere il mio cuore di pietra come neve al sole :')
      Mi spiace per le nostre divergenze sui profumi dei cosmetici Deborah XD In compenso, a parte questi due (il rossetto e la cipria) non ho nessun problema con gli altri che possiedo/ho provato :)

      Elimina
  13. Io ho diversi rossetti deborah però della linea milano red classica, con il packaging dorato e mi sono sempre trovata benissimo, li adoro :) ho visto spesso questo rosso ma non l'ho mai comprato perché di rossetti rossi ne avrò circa una decina, quindi ho resistito (per ora XD).
    Ti sconvolgerò: su di me il ruby woo di mac non va via nemmeno con lo struccante O_O pensa che accidentalmente appoggiai il viso sul maglione ed il rossetto non si stampò lì sopra, ed è una cosa che mi ha lasciata senza parole ò.ò
    Bellissima la descrizione della prima applicazione del rossetto rosso, io ho avuto la stessa reazione quando ho applicato il Russian Red per la prima volta XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quelli mialno red li ho swatchati credo almeno una decina di volte XD Non ne ho ancora provato uno sul serio, ma ci sono davvero tanti colori che mi ispirano! E me sembra anche più "nuova" come linea :)

      Sì comunque ci sono rossetti che hanno difficoltà ad andarsene anche con lo struccante (e olio di gomito :D) però io trovo che comunque un rossetto che resta *impeccabile* anche dopo un pranzo di Natale coi parenti sia una leggenda XDD Ma magari un giorno troverò un uom...ehm, un rossetto che mi farà cambiare idea :D

      Elimina
  14. io oooodio i rossetti Deborah! >__< *disse puffo brontolone*
    no sul serio, hanno un odore che mi nausea altamente, proprio non ce la faccio.. ne acquistai uno un anno fa circa ed era anche caruccio, ma odorava di chimico bleah >___<

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mio naso concorda con te, mi dispiace però che li detesti proprio :( Non riesci proprio a chiudere un occhio su questo difetto e dargli una seconda chance? Al di là dell'apparenza, sono dei bravi rossetti <3

      Elimina
  15. Mai provati i rossetti Deborah, per qualche motivo sconosciuto non mi attrae molto come marca.

    Invece il tuo banner per lo swatch mancante mi piace tantissimo, visto come sono ridotta male a swatch labbra dovrei acquistarne una fornitura quinquennale! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ora come ora non attraggono molto neanche me, infatti tutti i prodotti che possiedo di deborah risalgono a tempi remoti XD

      Il banner, se ti va, lo trovi sulla pagina facebook ed è liberalmente utilizzabile (dubito che a qualcuno serva davvero, ma non si sa mai :°D)

      Elimina
  16. Nemmeno io ho mai provato rossetti Deborah... anzi, mai provati prodotti Deborah in generale. Li ho annusati però, e confermo che l'odore non è dei migliori(a me piacciono i prodotti leggermente profumati di qualcosa di dolce e soft!). Se secca le labbra non ci faccio nemmeno un pensiero, perchè ho le labbra secche che più non si può, e ci manca solo qualche prodotto che peggiori la situazione(e ne ho già troppi). Però bisogna ammettere che il colore sembra davvero fantastico, la pigmentazione pure!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io figurati che non amo nemmeno quelli coon le profumazioni...Vorrei che i rossetti odorassero di NIENTE e basta :°D Ma si fa quel che si può (cioè, mettere a tacere il naso!).

      Elimina
  17. Sì che fa ancora la sua porchetta figura, trovo solo che questo Deborah costino un filino troppo, ad esempio, rispetto ai Rimmel Kate.
    Comunque capisco benissimo a cosa ti riferisci quando parli del packaging, io ne ho uno (una sorta di color malva) e il materiale mi ricorda un pochino quello degli involucri di alcuni telecomandi! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh già, in effetti oggi come oggi sono un po' "superati"....Nel senso che per il prezzo che hanno, potrebbero offrire di più!

      Oh, grazie per aver capito la mi astrusa descrizione! Sì si, il materiale è proprio quello *_*

      Elimina
  18. ciao cara,trovo il tuo blog molto carino,tua nuova lettrice...passa da me....ti aspetto! ;-))))

    http://karinacosmetic.blogspot.it

    RispondiElimina
  19. Ciao!Passa da me, ci sono due premi per te!;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Passata :)
      (con due settimane di ritardo, ma pace...)

      Elimina
  20. Il colore è BELLISSIMO, porcaccia eva O_O Solo che no, e dai, non può costare così tanto! Mica è legale che marche sceme come la Deborah possano vendere le poche cose decenti che fanno a prezzi allucinanti ( o sì? )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sta donna mi dà soddisfazione assai.
      Concordo sul prezzo però D:

      Elimina
  21. I rossi hanno sempre un fascino senza pari! E sono assolutamente con te sulla questione pasto... chi riesce a farlo durare mentre mangia o è una contorsionista o ingurgita la preda intera come il boa costrictor... eppure ne ho viste dal vivo di queste bestie rare quindi ci credo!
    io però sono una pasticciona e non riesco a farlo durare così!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ah anche io sono una pasticciona! DI fronte al cibo, il rossetto passa in secondo piano e proprio non ce la faccio a mangiare con la grazia di questi esseri mitologici! :)

      Elimina
  22. Il mio primo rossetto rosso ce l'ho ancora, è un rimmel strafigo luminosissimo *.* ps. premio per te! :) http://thefashioncat.wordpress.com/2013/04/02/super-sweet-blogging-award/

    RispondiElimina
  23. mi ero persa questo post :D comunque ho lo stesso problema anche io coi rossi... non mi ci vedo! U_U ufffff!!!! Per dire mi sento più a mio agio con un fucsia acceso che con un rosso... mah!

    comunque perla del post: "sufficientemente scuro da non risaltare come come una macchia di ragù sul muro bianco della cucina" ... XDDD rendi bene l'idea! ahahaha! Ti adoro! E scrivi di più ca**o!!! >.<

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie X°D

      Mi spiace che tu non ti veda coi rossi, ma in effetti...Io invece ho dei seri problemi coi fucsia, quindi mi sa che ognuna di noi c'ha i suoi problemi :D :D

      Elimina
  24. Il mio PVRR è un matitone Astra un po' sfiguz che ha un bel colore, sì, ma niente di ecceziunale. Almeno tu hai avuto la buona creanza di farti un PVRR che si è spataccata addosso pure la figona della Chiabotto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sono dimenticata di dire nel post che io e la Chiabotto siamo gemelle separate alla nascita, ero sicura che se stava bene a lei sarebbe stato bene anche a me!
      (Sono credibile?)

      Elimina
  25. Quella è la Chiabotto?? Orcu, manco sembra lei! Cara Blanche, il tuo racconto iniziale mi ha toccata nel profondo. Sappi che semmai inventeranno la macchina del tempo la userò per vedere quei momenti e la tua espressione XD
    Di rossetti Deborah non ho mai provato nulla, però il mio primo cosmetico fu il loro lucidalabbra alla menta :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ti capita di fare quel viaggetto nel tempo, ti prego, dopo esserti fatta quattro risate davanti alla mia faccia disperata, fai sapere alla Blanche del passato che esiste il correttore!! :D

      Elimina
  26. A me il rossetto rosso (freddo però) piace tanto xD Forse perchè abitualmente non mi trucco in maniera intensa.. trovo comunque che mi stia meglio rossetto rosso e mascara che trucco occhi accentuato e labbra senza nulla :)

    C'è un premio per te sul mio blog, passa a vedere se ti va :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Passo subito :)
      In realtà anche io preferisco un filino i rossetto rossi freddi, ma ovviamente all'epoca non avevo lontanamente idea di che cosa fosse un sottotono, quindi non potevo sapere :D
      Anche a me piace di più avere le labbra belle intense, piuttosto che caricare gli occhi :)

      Elimina
  27. Ricommento per dirti che ti ho taggata nel mio ultimo post, si chiama "sunshine award" :D Se ti va passa a dare un'occhiatina :D

    RispondiElimina

Un commento al giorno leva il medico di torno :D