19 dicembre 2013

5 cose che odio del Natale

Di quando si iniziò a intravedere la luce in fondo al tunnel



Spero che nessuno prenda a male questo post e mi accusi di alto tradimento nei confronti della magia del Natale, di razzismo verso gli elfi al soldo del vecchio barbuto, o di istigazione all'odio per le luminarie. Non sono una fan di questa festività, ma non sono nemmeno una di quelle persone che la detestano ben poco cordialmente: come tutto in questo mondo, ha dei lati positivi e dei lati negativi. Siccome oggi mi gira male, vi pippate 5 cose che mi fanno innervosire di questo periodo, o che non mi piacciono: solo che il titolo 5 cose che odio era molto più incisivo. L'idea sarebbe di farmi perdonare in seguito con un successivo 5 cose che amo del Natale, ma ormai ho imparato a non promettere più nulla: se gli astri sono favorevoli lo vedrete, altrimenti no, chissà, mistero, domani è un altro giorno :D. 

P.S. Spero che i contenuti non risultino acidi come uno yogurt senza zucchero, purtroppo è difficile trasmettere il tono delle parole attraverso lo schermo, ma ricordate sempre che si scherza :).


A caccia di apprezzamenti facili utilizzando immagini di film famosi.



Le pubblicità di panettoni e affini

Bambini cerebrolesi che cospirano con nonne annoiate per preparare sorprese di dubbio gusto alle mamme; famiglie felici composte da credibilissimi genitori di massimo una ventina d'anni e boccolosi pargoli lavati e stirati, che tutti insieme addobbano alberi grandi come baobab con palline di vero cristallo di Boemia; coretti di voci bianche che intonano inni alla bontà scritti da compositori depressi in cambio di un tozzo di pane; Babbi Natale che cercano di sbarcare il lunario cimentandosi in improbabili imprese. Non sarebbero tanto terribili (oppure sì?) se per qualche assurdo meccanismo mentale non restassero anche in testa: A Natale puoooooiiiiii..... 
Sono una brutta persona perché odio i bambini felici a Natale? Sì. 
Sono una brutta persona perché spargo odio gratuito nei confronti di un fenomeno facilmente ignorabile (basta spegnere la Tv, in fondo)? Sì. 
L'unica pubblicità del genere che abbia mai apprezzato è questa. Così i bambini spaccamarrons imparano. Peccato è tutto petto.


I tutorial di trucco a tema Natale

Più o meno dal primo settembre sul tubo inizia a fiorire questa particolare varietà di video, che dispensano dritte su come truccarsi per il pranzo del 25 e il gran veglione di Capodanno. Incuranti del fatto che la maggior parte delle ragazze lo passerà tra le solite quattro mura di casa, fregandosene di come l'attività principale del pranzo sia ingurgitare pietanze grasse e oleose, le gure sfoggiano trucchi rigorosamente a base di oro e glitter, conditi di labbra rosso fuoco perché Niente fa più Natale del rossetto rosso. No, non ce l'ho col rossetto rosso a Natale, anche io lo amo, e so che questi video sono solo dei pretesti per fare un tutorial come un altro, solo che....Mobbasta, ecco. 

L'abbiocco dopo il pranzo di Natale

L'ingozzamento natalizio per me è la cosa più bella che ci sia, quindi non ce l'ho affatto con veglioni, cenoni e quant'altro. Anzi. Ce l'ho con quello che viene dopo. Quel senso di rimbambimento totale che pervade il cervello, dato che il sangue è tutto impegnato a fornire aiuto per combattere lo stato di calamità nel processo di digestione; la confusione mentale perché il pranzo è durato dalle tre alle quattro ore, fuori è già buio e Ommioddio ma che ora è? Che anno siamo?; la sensazione di aver finalmente capito cosa intendevano le maestre alle elementari quando ti dicevano che il serpente mangia una volta a settimana e per il resto del tempo resta lì fermo in coma digestivo. 
Quando sono andata in Australia, una simpatica guida mi ha spiegato che i koala hanno sempre l'aria intontita perché il loro nutrimento, l'eucalipto, è difficile da digerire ed è come se fossero perennemente sotto l'effetto Cenone della Vigilia. Non so se sia vero, ma nel caso comprendo perfettamente perché nella vita non facciano altro che dormire.

La gente che fa gli auguri il 24

C'è chi sa che il giorno di Natale sarà impegnato, e ci tiene proprio a lasciare una traccia del suo passaggio su questa terra, quindi scrive su Facebook che augura a tutti un buon Natale in anticipo. E fin qui nulla da dire. Il problema è che poi ci sono quelli che, convintissimi, mandano messaggi già il 24 con scritto a chiare lettere Buon Natale
ROAR! Devo ogni volta trattenere il mio istinto di ragazza acidella per non rispondere Guarda che Natale è domani (ed essere istantaneamente etichettata come str...Odiosa guastafeste). Vi prego, non fatelo. Se siete impazienti, augurate qualcos'altro: buone feste, buona abbuffata, buona giornata, buon viaggio. E se volete fare i trasgressivi, fatelo il 26, così la gente pensa semplicemente che ve ne siate dimenticati, o che abbiate avuto problemi di linea (telefonica. Dell'altra se ne parlerà dopo l'epifania). Ve lo chiedo col cuore in mano.

I servizi del TGqualsiasi sulla gente che fa acquisti

Il corrispettivo invernali dei servizi sulla gente che va al mare. Notizia straordinaria: anche quest'anno la gente sotto Natale va un sacco in giro per negozi!!111 Scoop pazzesco: a Natale si spende il 500% in più di quanto non di faccia durante il resto dell'anno!!!11??!!
No, ma io mica lo sapevo, perché non sono stata avvisata prima?

26 commenti:

  1. condivido appieno in tutto, specialmente sulle pubblicità con finte famiglie stile mulino bianco che addentano il panettone, tranne, tranne...indovina per cosa??? Ovvio, il trucco a tema. Si è vero, du palle, però a me piace tanto fare i trucchi a tema (e te lo dico con l'occhio a cuoricino e pure lacrimevole) In verità io li faccio tutto l'anno quindi perché non a natale? Tradotto Blanche ti dovrai beccare pure il mio. Muahahahah

    RispondiElimina
  2. Ahahahahahah fortissima XD Come babyredvamp condivido tutto, a parte la questione dei makeup natalizi XD Ma io amo in generale i trucchi a tema, quindi non conto XD Forse mi diverto più a farli e a vedere le foto finite, piuttosto che guardare i tutorial, ecco *w*

    RispondiElimina
  3. la mia lista sarebbe stata la seguente:

    1- il Natale.


    il Grinch è un principiante!
    :D

    RispondiElimina
  4. il servizio sugli acquisti è terribile, quello sugli ultimi acquisti il pomeriggio del 24 peggio, quello fatto a piazza di spagna o in piazza duomo o simili sulla gente che dice che c'è crisi e gira con 700 pacchetti in mano è INDECENTE!

    io ci aggiungerei il servizio al tg dopo capodanno sulle diete e il ritorno in palestra... depressione.

    RispondiElimina
  5. Oddio io volevo fare un post con il trucco a tema. Che faccio, recedo? XD

    RispondiElimina
  6. L'ultimo punto andrebbe condiviso su ogni piattaforma dell'universo!!!
    L'abbiocco del Natale è allucinante, a Napoli sai quando inizi ma non sai quando finisci XD

    RispondiElimina
  7. E le foto all'albero di Natale fatte da ogni angolazione e con ogni condizione di luce possibile con il solo scopo di essere mostrate al mondo come segno della propria magnificenza?
    Poi vabbè, magari è l'invidia a parlare visto che il mio albero fa sempre pena e ogni volta che lo guardo pare chiedere di essere soppresso all'istante.

    RispondiElimina
  8. C'è crisi, c'è crisi. Ma non tra le mie compagne di università.
    E non tra le dozzine di migliaia di "youtubers", che ogni Natale devono scassarci los maronos con l'haul di cosa hanno ricevuto.
    Se lo facessi io vedreste, ehm, libri, maglioni, quest'anno il Kobo XD, libri, sciarpe, forse uno o due cosmetici, non l'intero stand di Chanel.
    Loro le odio di più di chi chiede "Ma a Capodanno?"

    RispondiElimina
  9. sai cosa odio più di tutto? quelli che "non mi serve niente" "non farmi regali" "non mi piacciono i regali"
    ma 'ndé in mona! lo sapete benissimo che i regali ve li devo fare quindi non rendetemi la vita difficile >_<

    ecco mi sono sfogata :D

    RispondiElimina
  10. Le pubblicità dei panettoni condivido, tra l'altro a me nemmeno piacciono u_u

    RispondiElimina
  11. Ahahahah! I servizi pseudo Studio Aperto che ci danno i consigli su come superare il Natale più freddo/caldo/poveroenonso che altro da 3456 anni a oggi li odio come le unghie sulla lavagna! L'abbiocco è odioso perché con tutti quei parenti per casa, non ci si può spalmare sul divano in santa pace!!!!

    RispondiElimina
  12. Oh grazie, ero un po' giù di morale, mi sono fatta quattro risate XD.
    Aggiungo solo una cosa: i panettoni e pandori nei supermercati, ad ottobre. OTTOBRE. ANSIA!!!

    RispondiElimina
  13. Ma uahauahauahauh! Sei fantastica! Hai espresso il pensiero di taaaanti. Le pubblicita' fastidiose e i servizi TG piu' inutili del solito vincono il premio Mongolino!!!

    RispondiElimina
  14. ahahaha per un attimo hai illuminato il mio affievolito spirito natalizio.
    io potendo sto in pigiama tutto il giorno a Natale, che ne dici faccio un tutorial? XD

    RispondiElimina
  15. Peccato tutto petto! XD ma LOL. Ti adoro solo per avermi ricordato questa pubblicità *_*
    Io credo che il giorno di Natale andrebbe passato in pigiama, al caldo senza impazzire con trucchi/vestiti/parenti ;) (passerei così pure il capodanno sì) nella mia famiglia di origine si usa così e ce la passiamo benissimo :D

    RispondiElimina
  16. Ammetto che questo post non me l'aspettavo ma mi sono fatta tante risate!Condivido più o meno tutit i punti perché ad alcuni non avevo proprio pensato XD

    RispondiElimina
  17. Ahahahaaha concordo appieno e permettimi di aggiungere alla tua lista anche i cinepanettoni...ne vogliamo parlare dello squallore? xD

    RispondiElimina
  18. io odio il natale più del puffo brontolone, ma la cosa che odio di più del natale sono i parenti

    RispondiElimina
  19. Ahahah, hai perfettamente ragione sulle pubblicità natalizie, sono troppo odiose!!! e anche i servizi dei tg sulla gente che spende e spande.... e l'hai anche spiegato in modo molto divertente e d'effetto! Grande Blanche!

    RispondiElimina
  20. Odio anche io i tutorial delle feste. XD

    RispondiElimina
  21. Io aggiungo l'agnello arrosto, piatto forte del pranzo qui in Sardegna. Mi disgusta solo nominarlo e mi mette di cattivo umore, ma non tanto da non ingozzarmi di pandoro. Odio, odio, odio.

    Comunque, sono felicissima di notare che in tanti passeranno il Natale in pigiama, almeno nei loro desideri più inconfessabili. Pigiama rules the world!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non mangio neanche il porcetto! Bleah!

      Elimina
  22. Amo questo post e ne condivido ogni sillaba.
    Spargerò il verbo, Blanche!

    RispondiElimina
  23. Ahah sei un genio! Concordissimo principalmente con i punti 3 e 5! XD

    RispondiElimina
  24. Ahahah...i servizi al tg sono terribili, li odio anche io (anche se sono terribili tutto l'anno se devo essere onesta)! La pubblicità dei panettoni idem..."buttati che è morbido" se vabbè povero babbo natale..se si deve affidare ad un misero panettone è spacciato! Io odio soprattutto il traffico dei giorni pre-natale e le folle che prendono d'assalto negozi e centri commerciali..Mi danno l'ansia proprio..cavolo state a casa!!!!

    RispondiElimina
  25. Senti, tu sei la n. 1, la penso esattamente come te! ;)

    RispondiElimina

Un commento al giorno leva il medico di torno :D