17 dicembre 2013

Il riassunto della seconda settimana

Di quando sono le 5 e tutto va male


Ok, lo ammetto, sono una brutta persona perché vi sto di nuovo rifilando un post privo di contenuti, che rimanda a vecchi post altrettanto privi di contenuti. La settimana è stata poco succulenta e gli articoli una vera perdita di tempo, ma tant'è: sono passati (più di) sette giorni dal precedente riassunto, e mi sembra doveroso riepilogare quanto accaduto nel mentre. In questo modo, le pecorelle smarrite che hanno accuratamente evitato i post precedenti non possono più sottrarsi, e chi si era ripromesso di commentare e poi è stato inglobato da mille impegni può tornare sui suoi passi. 
Ne approfitto per dirvi (come ho già fatto su Facebook) che prima o poi avrò persino il tempo di rispondere a tutti i commenti, quindi abbiate fede e continuate a lasciarmi tracce del vostro passaggio (anche solo una faccina spastica va benissimo), che qua c'è bisogno di alimentare di continuo la motivazione. 


Vi farò pure il riassunto in forma discorsiva, visto che ho perso il conto dei giorni. Sono proprio la peggiore. 
Martedì era il giorno del tanto atteso post con il nome della vincitrice del Giveaway, ma dopo l'iniziale picco di visite, suppongo che ormai non interessi più un cavolaccio a nessuno, quindi andiamo oltre. Finalmente Mercoledì  è apparsa una review come si deve, in cui la somma critica Blanche stronca ogni possibilità di carriera di uno spumante da bagno Lush, colpevole di schiumare ma non profumare. Giovedì questo blog ha toccato il fondo con il post più banale dall'ultima glaciazione, che dispensa consigli per combattere il freddo degni dei test di Top Girl. Venerdì ci siamo risollevati un po' con un post che cerca malamente di mettere una pezza su tanti mesi di assenza, sciorinando una serie di prodotti tra i più amati dell'ultimo periodo (estate/autunno/inverno, più o meno). Sabato è stato persino peggio di giovedì (più a fondo del fondo? Si può!) perché la mancanza di tempo mi ha portata a corrompervi con un collage di dubbio gusto estetico e morale, con tema natalizio come copertura. Domenica ho cavalcato la cresta dell'onda dell'ABC Lipstick Tag e sono andata alla ricerca di consensi facili piazzando delle scelte del tutto prevedibili. Infine, ieri vi ho deliziate con un post la cui unica cosa interessante era la foto, il che è tutto dire (andate et guardate per comprendere).
E domani? Domani è un altro giorno, e prego i cherubini dell'albero di Natale del bar di sotto che mi diano il tempo di produrre un post che mi restituisca un po' di dignità.
Un bacio a tutte le fanciulle!

3 commenti:

  1. Susu, piazziaci un altro Dramatag così sei a posto per un altro giorno.
    Oppure spulcia ogni tag facile facile che trovi.

    Ma anche solo leggerti mette buonumore a una povera pendolare che spesso sorride da sola leggendo i tuoi post :)

    RispondiElimina
  2. Io mi diverto a leggerti sempre, qualsiasi cosa tu scriva *_* Concordo con Valeria, potresti fare un Dramatag oppure uno dei Christmas Tag *_*

    RispondiElimina
  3. In questa maratona di post vale tutto!! non ti arrendere!

    RispondiElimina

Un commento al giorno leva il medico di torno :D