19 gennaio 2015

Best of 2014: Make up & More

Dopo il travolgente (?) successo della scorsa edizione torna il post dei Preferiti dell'Anno, anche questa volta architettato insieme a un nutrito gruppo di amiche blogger: Ale di Dotted Around, S. di Drama&Makeup, Silvia di Edel Jungfrau, Daniela di Shopping&Reviews, Takiko di SofficeLavanda, Darkness di The Taste of Ink e Elena di Vanity Nerd. La lista di categorie è la stessa dello scorso anno - off topic più o meno utili compresi - ma in assoluta libertà ognuna di noi ha scelto se saltarne o aggiungerne qualcuna. Speriamo vi piaccia e che non allunghi troppo le vostre wishlist!


Fiuuuu, meno male che quell'angelo di Vanity Nerd - usare il nome del blog al posto di quello dell'autrice sarà un reato punibile in sculacciate? - si è presa la briga di scrivere l'introduzione che avete appena letto, perché io non avrei saputo come accidenti iniziare. Sapete, capita di non trovare le parole, quando è un po' di tempo che non scrivi sul blog. Quando poi è un po' tanto ma tanto tempo, fai fatica anche solo a trovare il tastino da cliccare per scrivere un nuovo post. Ovviamente non è il caso di questo spazio, che viene aggiornato con impegno e costanza e... Ah no, mi sa che era una mia fantasia, quella. Un po' come quando immagino Bradley Cooper nudo.
Bradley Cooper tutto nudo.
Bradley Cooper tutto nudo in posa sensuale. 
Bene, ora che sono riuscita a  rivolgere la vostra attenzione lontano dai miei problemi di incostanza, posso finalmente cambiare argomento, con molta nonchalance.*

Ordunque, come i più svegli di voi avranno notato, avete di fronte a voi il primo post dell'anno nuovo, che con un colpo di scena e un'intuizione fuori dagli schemi, tratterà dei prodotti che più ho gradito nei 365 giorni passati. Sì, lo so che di articoli del genere ne avete pieni gli scatoloni da trasloco, ma potete tirare almeno un sospiro di sollievo: giurin giurello che non vi propinerò lacrimevoli ringraziamenti e smielate descrizioni su come e quanto quest'anno sia stato o non sia stato bello; non lo farò perché sono fattacci miei, che oltretutto non fregano a nessuno. Ma prima che mi ringraziate per la mia infinita bontà d'animo nel risparmiarvi tali noiose letture, è il caso che diate un'occhiata all'infinita lunghezza del post. Ecco. Credo che leggerlo tutto insieme potrebbe causarvi crisi di sonno irreparabili, quindi il mio consiglio è di leggerne un pezzetto alla volta nei tempi morti, tipo quando aspettate che venga su il caffè, che tanto anche se vi perdete qualche riga non se ne accorge nessuno. Oppure potete fare come gli studenti che si dividono i compiti: voi leggete i primi tre paragrafi e vostra sorella legge gli ultimi tre, fate voi, io non mi offendo.

Bradely nudo l'abbiam finito. Quello coi bigodini va bene uguale?