12 dicembre 2016

Cada uno busca su gato


Non potete sapere da quanto tempo stia meditando di scrivere questo post. O meglio, da quanto tempo abbia una voglia pazzesca di farlo, ma poi manca il tempo, la voglia, e c'è Netflix che mi fa incartapecorire il cervello, e poi fa freddo e non posso sprecare preziose calorie a battere sulla tastiera, che fra poco arriva l'inverno. 
Facciamola breve: la mia vita ha subito una leggeriiiissima svolta, tipo che mi sono trasferita in un paese che non avrei mai considerato nella mia pur quasi certa vita da emigrata, la Spagna; in una città che non sarebbe mai passata neanche per l'anticamera del mio provincialissimo cervello, Barcellona.
Ah, il tutto per un breve periodo di tempo di circa quattro anni, mese più mese meno.  No, ma mica sono in ansia e mi manca già la mia famiglia e la mia casa e i miei amici e il mio cane, che vai a pensare?! 





Ora, sin da quando ho iniziato a prendere coscienza che, per gli studi che ho fatto, con buona probabilità avrei dovuto passare un certo periodo della mia vita all'estero (variabile tra i 6 mesi e l'eternità) si è fatto strada nella mia testa il pensiero che non mi sarebbe dispiaciuto tenere un blog a tema "vita fuori dall'Italia". No, non uno di quelli con articoli del genere I 10 locali TOP di Barcellona dove cuccare de brutto e fumare robbba o La guida totale, assoluta e definitiva per trovare casa in una città che giusto giusto Londra je fa concorrenza. I posti "in" non li sapevo nemmeno a Trieste che ce ne avrà sì e no quattro, e per la casa ho pianto svariati giorni e notti e ancora non so come dire alla padrona di casa che il lavandino è intasato, quindi decisamente non sono la persona adatta a guidarvi nella giungla degli appartamenti, né altra flora analoga (burocrazia, lavoro, etc).  Mi vesto da cani e sono pure sempre abbigliata in modo troppo pesante o troppo leggero, di sicuro non posso puntare sul fashion blogghe estero che poi ti invitano pure alle sfilate e ti regalano le borse di pelle di bambino; inoltre, le mie abilità di fotografa sono note anche nell'altro emisfero per la loro scarsezza, quindi anche la via della blogger-fotografa-con-la-canon non è perseguibile. 
Non m rimane che tenere un blog un po' raffazzonato, dove scrivere giusto di quello che mi va e se mi legge qualcuno bene, altrimenti avrò fatto almeno un buon esercizio di italiano, che al momento in testa c'ho un casino linguistico che se mi vedesse il mio mastro delle elementari si taglierebbe le vene col righello. In fondo CCSC è sempre stato un blog così, tenuto con scarsa costanza ma tanto amore, ed è per questo che ho deciso di ripartire da qui. Inizialmente avevo pensato di aprire un blog a parte, un angolo tutto nuovo ma (grazie anche ad alcuni preziosi suggerimenti) ho poi deciso di provare semplicemente a dare nuova vita a questo ambiente che conosco bene, e a cui sono affezionata. Vediamo come va, conoscendomi potrei tranquillamente stufarmi domani. O magari potrei essere contattata da qualche prestigiosa rivista che mi chiede di trasferire i miei preziosi scritti da loro e cccciao poveri. Chissà.

Dunque, di cosa parlerà (diciamo "potrebbe parlare" và, che non sono ancora pronta per una relazione seria) questo blog dal nome francese, scritto da una ragazze italiana che vive in Spagna, precisamente in Catalogna? 
Di quello che scopro di Barcellona, delle stranezze di questa città e della sua gente, viste con gli occhi rigorosamente ingenui e ignoranti di una che della storia e della cultura di questo luogo ne sa davvero poco, tanto da dover cercare su Google come mai tutti si divertono ad appendere alla finestra una misteriosa bandiera gialla e rossa, talvolta condita da graziose stelline, prima che facesse capolino qualche vaga reminiscenza sull'argomento. Consigli poracci di sopravvivenza, ammesso che riesca effettivamente a sopravvivere, visto che prima di dispensare saggezza a chicchessia sono la prima a dover imparare a cavarsela senza mammà e soprattutto con uno (scarso) stipendio tutto suo. Ricette scrause da cucina, e i segreti su come una principessa che odia le verdure riuscirà (sperabilmente) a non farsi ricoverare per carenza di vitamine. Trucchi - ancora tutti da scoprire, purtroppo -  su come non farsi venire un infarto e accompagnare con coraggio fuori dalla porta ragni, insetti e altri ospiti indesiderati (Dio benedica l'inverno), a cura di una tizia terrorizzata da qualsiasi mosto ragno-vermi-insettiforme, a prescindere dal numero di zampe (siam mica razzisti). E in effetti, se mai avrò una vita sociale degna di questo nome mi piacerebbe condividere anche qualche evento o posto particolarmente interessante....Ma non contateci troppo, sfigata ero e sfigata rimango. Cose di questo genere insomma, condite magari con alcuni fattimmmiei, ma non troppo. Ah, dimenticavo, in realtà non vorrei abbandonare del tutto la Via del Trucco, perché qui esistono alcuni marchi molto interessanti mai sentiti nominare, e altri che in Italia si trovano solo online sono reperibili molto facilmente. Anche se solo a pensarci già non c'ho voglia di fare le foto... ;)

Non so se a qualcuno gliene importa qualcosa, ma anche se non avete voglia di seguire questo "nuovo" blog (perché mi seguivate solo per le mie magnifiche foto e swatches imperdibili, lo so, vi capisco...) se mi lasciate un abbraccio mi fate contenta, di quelli non ce ne sono abbastanza nel mondo.
 Io intanto vado a lavare i piatti.


________________________________________________________________________________
Nota: Le foto sono dal mio Instagram. Ci trovate un po' di Barcellona, un po' di Trieste e talvolta un po' di Svizzera. Le foto però sono sempre di m...

7 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Figurati se non ti seguo! In bocca al lupo per tutto :)

      Elimina
  2. Complimenti per il coraggio, lasciare casa e andare via non è mai semplice.
    Io personalmente continuerò a leggerti, qualsiasi argomento deciderai di trattare :)

    RispondiElimina
  3. Ti pensavo giusto in questi giorni: mi fa piacere rileggerti!

    RispondiElimina
  4. In bocca al lupo per tutto e ti mando un abbraccio forte di solidarietà anche per la questione insetti dalle zampe imprecisate... Qui abbiamo un'altra frignona fobica, urrà! :D

    RispondiElimina
  5. Non hai finito l'ultima frase... Volevi dire che "le foto sono sempre di m...eravigliosi posti!!" vero?? :-D
    Anche io in questo periodo sono stata impegnata perchè mi sono avventurata in un nuovo progetto online, ma il blog non lo mollo e lo gestisco in parallelo perchè mi piace scrivere sapendo che posso essere utile a qualcuno, senza contare che è da lì che è partito tutto il resto...
    Sicuramente continuerò a seguirti e non disperare per i cambiamenti, anzi vivili con serenità perchè sono comunque positivi!!
    Un bacio e un grosso in bocca al lupo!!

    RispondiElimina
  6. Quanto mi piace l'eleganza del tuo blog ! Complimenti

    RispondiElimina

Un commento al giorno leva il medico di torno :D